SOS Goletta Verde: per denunciare situazioni a rischio inquinamento in mare

12.07.2011 00:17

SOS Goletta Verde

 Il servizio di segnalazioni on line e via sms contro l’inquinamento balneare

 

Mandate il vostro Sos e i tecnici di Goletta Verde verificheranno il rischio

attraverso le analisi scientifiche

 

L’imbarcazione ambientalista in Puglia dal 25 al 30 luglio


 

Torna anche quest’anno il consueto appuntamento con Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente di monitoraggio delle acque marine che ogni estate verifica lo stato di salute del mare italiano. L’imbarcazione ambientalista è partita lo scorso 22 giugno da Genova.

Anche quest’anno, Legambiente chiede ai cittadini di aiutarci a difendere il mare attraverso SOS Goletta, un servizio di segnalazioni, coordinato dallo staff tecnico dell’associazione, per denunciare situazioni a rischio di inquinamento delle acque derivante da scarichi fognari abusivi, depuratori mal funzionati o tubature che scaricano liquidi o sostanze sospette in mare. In concreto, quindi, i cittadini possono inviare una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per identificare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico scrivendo a scientifico@legambiente.it, inviando un SMS o MMS al numero 346.007.4114, oppure chiamando lo 06.862681.

L’attività di Goletta Verde –dichiara Francesco Tarantini, Presidente Legambiente Puglia- rappresenta ormai una voce riconosciuta che, con impegno, ogni estate denuncia abusi e illegalità, fenomeni di inquinamento e minacce al nostro ecosistema marino. L’imbarcazione ambientalista conclude Tarantini- arriverà in Puglia dal 25 al 30 luglio e farà tappa nelle città di Gallipoli, Bari e Manfredonia”.

 

Era il 1986 quando Goletta Verde affrontò il suo primo viaggio per difendere il mare e le coste dall'inquinamento e dall'illegalità. Con l'entusiasmo e la passione di allora il battello ambientalista è di nuovo in viaggio per scoprire e denunciare abusi che rischiano di compromettere la salute del delicato ecositema marino: speculazioni edilizie, depurazione insufficiente o inesistente,  tentativi illegali di privatizzazione del demanio, trivellazioni,  pesca di frodo, abbandono dei rifiuti.

Lungo il suo percorso Goletta non si occuperà solo di inquinamento e punti critici ma viaggerà anche per scoprire e promuovere l'Italia che punta sulla sostenibilità e la qualità della vita, che ha saputo tutelare il patrimonio naturale e le peculiarità culturali dei territori facendone un punto di forza per un duraturo sviluppo dell'economia e del turismo. 

Il monitoraggio scientifico

La squadra di biologi del battello ambientalista come ogni anno analizzerà campioni d'acqua lungo l'itenerario della Goletta ed informerà in tempo reale, tappa dopo tappa, i cittadini  sulle condizioni di salute del mare. I prelievi verranno effettuati in particolari punti critici - come le foci dei fiumi - per sacoprire se la depurazione è sufficiente o  se potrebbero esserci eventuali  scarichi abusivi da denuciare.

Dossier Mare Monstrum 2011:  illustra le caratteristiche del mare illegale nostrano e denuncia tutte quelle attività che inquinano e deturpano i fragili ecosistemi delle nostre località costiere.