Per il clima contro il nucleare: La mobilitazione nazionale di Legambiente per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro.

28.01.2010 17:00

 

Per il clima contro il nucleare

La mobilitazione nazionale di Legambiente per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro.

logo campagna per il clima contro il nucleareIl governo Berlusconi ha deciso per un ritorno del nucleare nel nostro Paese, con il quale pensa di produrre il 25% dell’energia elettrica dall’atomo, di rispettare l’accordo europeo 20-20-20  per la lotta ai cambiamenti climatici (secondo cui entro il 2020 tutti i Paesi membri devono ridurre del 20% le emissioni di CO2 del 1990, aumentare al 20% il contributo delle rinnovabili al fabbisogno energetico, ridurre del 20% i consumi energetici), e di ridurre il costo dell’energia e le importazioni, grazie a delle non meglio identificate centrali di “nuova” generazione, descritte come sicure, pulite e tecnologicamente avanzate.
 

La realtà però è molto differente. A più di 20 anni dall’incidente di Chernobyl, il nucleare non solo pone ancora gravissimi problemi di sicurezza, ma è anche una fonte energetica costosa che non abbasserà affatto la bolletta energetica nazionale, non ridurrà la nostra dipendenza dall’estero e non ci permetterà di rispettare gli impegni europei e internazionali. Riaprire al nucleare vuole anche dire abbandonare qualsiasi investimento alternativo sullo sviluppo delle tecnologie pulite e dell’efficienza energetica, e rinunciare alla costruzione di un sistema imprenditoriale innovativo e diffuso in grado di competere sul mercato globale.

Per questi motivi Legambiente lancia la mobilitazione nazionale Per il Clima Contro il Nucleare con l’obiettivo di rispondere alle bugie del governo e dei nuclearisti, ristabilire la verità sulla dannosità del nucleare e la sua inutilità per il raggiungimento del 20-20-20, e per alimentare il dibattito a livello territoriale sui due scenari energetici alternativi futuri, ovvero con (secondo il governo) o senza (secondo noi) l’atomo.
Per informazioni: scientifico@legambiente.eu  

 

Firma l'appello Per un sistema energetico moderno, pulito, sicuro
 

Approfondimenti

In azione

Materiali divulgativi