Noi non scherziamo col fuoco: sensibilizzazione, prevenzione e monitoraggio degli incendi boschivi.

06.07.2010 00:32

Il circolo "Legambiente per Gioia del Colle" ha partecipato all'iniziativa nazionale dell'associazione a Bari sulla sensibilizzazione, prevenzione e monitoraggio degli incendi boschivi.

Ha sottoposto all'amministrazione comunale di Gioia del Colle il questionario di auto-certificazione che completa l’indagine sulle azioni messe in campo dai Comuni che hanno subito incendi, al fine di tracciare un quadro sulla situazione della lotta agli incendi boschivi.

Questo monitoraggio si propone di individuare quelle amministrazioni comunali che maggiormente hanno contribuito con le loro iniziative a combattere questo fenomeno, facendo conoscere le buone pratiche che le esperienze locali hanno prodotto, divulgandole con la realizzazione di una pubblicazione dedicata.

  

In Puglia, nel 2009, secondo il Corpo Forestale dello Stato si sono registrati 277 incendi che hanno percorso 4.358 ettari di territorio di cui 1.527 boscati e 2.831 non boscati, una media di 15,7 incendi per ettaro. Sempre nel 2009 la Forestale ha accertato 318 reati d’incendio, effettuato 3 sequestri mentre sono stati denunciati 18 incendiari.

Nell’ambito di Non scherzate col Fuoco, ogni anno viene realizzato un monitoraggio sulle azioni delle Amministrazioni Comunali nella mitigazione del rischio incendi boschivi: Ecosistema incendi, un’indagine accurata per verificare l’applicazione da parte dei comuni della Legge Quadro 353/2000 in materia d’incendi boschivi. L’edizione 2010 sarà presentata in Puglia a metà luglio.

“Sensibilizzazione, sanzione dei reati e attività di spegnimento incendi –sostiene Daniel Noviello, Coordinatore Nazionale Protezione Civile Legambiente- sono attività utili, ma che da sole non bastano a salvare i nostri boschi dalla pericolosità delle fiamme. Per contrastare efficacemente il fenomeno -conclude Noviello- è necessario eliminare la possibilità di speculare sulla gestione delle aree bruciate e favorire la tutela delle aree boschive anche ai fini della promozione e valorizzazione delle località interessate, in altre parole stroncare sul nascere gli incendi dolosi, vera piaga italiana. È questo il senso delle iniziative di oggi e domani organizzate in giro per l’Italia”.